Marta Buso

Nata a San Donà di Piave nel 1978, Marta Buso vive e lavora a Venezia.  Dopo la maturità classica intraprende la Facoltà di Filosofia presso l’Università Ca’Foscari, laureandosi con lode con una tesi sul pensiero del filosofo tedesco Friedrich Nietzsche. Dopo l’esperienza di un anno presso l’assessorato alle politiche giovanili di Venezia, grazie al quale entra in contatto con progetti internazionali di cooperazione e scambi interculturali nell’ambito della diffusione di culture di pace, si iscrive all’ISFAV (Istituto Superiore Fotografia e Arti Visive) di Padova conseguendo il diploma professionale europeo di fotografo nel 2006. Da allora  svolge attività di fotografa professionista sia nell’ambito del fotogiornalismo che in quello commerciale.
Nel 2005-2006, collabora presso l'Associazione Culturale Spiazzi di Venezia per corsi di fotografia, sviluppo e stampa in bianco e nero. Durante la Biennale Cinema del 2006 lavora per la Jager Le Coultre durante la Mostra del Cinema di Venezia, seguendo gli eventi organizzati dallo sponsor. Nel 2007-2008 lavora per l’agenzia fotografica Fotoattualità fornendo reportage giornalistici per il quotidiano Il Gazzettino entrando così in contatto con varie realtà locali e nazionali. Nel 2008-2009, collabora con il fotografo veneziano Graziano Arici e con l’importante agenzia fotogiornalistica italiana Grazia Neri, con reportage e ritratti legati al mondo della cultura e dell’arte. Cura la catalogazione dell’archivio fotografico dello stesso Arici. Nel 2008 segue il cantiere di restauro e ristrutturazione di Punta della Dogana - Museo di Arte Contemporanea della Fondazione Francois Pinault, documentando con reportage per immagini sia per Palazzo Grassi che per la Doctor Group fino all’aprile 2009. Nella Biennale Arte 2009, cura un reportage per Illy caffè all’interno del vernissage Biennale Arte e servizi fotografici per Thyssen Bornemisza Art Contemporary e  Office for Contemporary Art Norway (OCA). Dallo stesso anno lavora con Manifatture Sigaro Toscano per la realizzazione di reportage per la Rivista del Club Toscano oltre che immagini di still life e copertine. Nel 2011 grazie alla collaborazione con l’associazione Onlus Balò che si occupa dell’aiuto a bambini e donne degli slum di Calcutta, effettua un viaggio in India per un reportage sulle loro condizioni di vita.
 
Condividi facebook share twitter share pinterest share
ASSOCIAZIONE CULTURALE DISANIMA PIANO
Via Mazzini, 23 - 46100 Mantova
C.F. e P.IVA 02491110207
IBAN: IT93 G035 8901 6000 1057 0666 554
Sigla.com - Internet Partner